FRANCESCO CARAGLIANO

 

 

 

© 2022 visicolab All rights resevered.

finecobank - consulente sicilia

linkedin
facebook
instagram
whatsapp

BIAS COMPORTAMENTALI

2023-02-14 19:51

author

bias , investimenti, fineco, finanza, come investire, bias comportamentali,

bias, cervello, finanza, fineco, bloginvestimenti

A volte la nostra mente… mente!Non è uno scioglilingua ma un dato di fatto. Nell'ambito degli investimenti, conoscere i bias più comuni può aiutare....

bias, cervello, finanza, fineco, bloginvestimenti

COME PROTEGGERE I TUOI INVESTIMENTI

🧠 A volte la nostra mente… mente!
Non è uno scioglilingua ma un dato di fatto:
A volte la nostra mente ci gioca brutti scherzi, portandoci a prendere decisioni non razionali ma basate sulle nostre emozioni e paure. Questo fenomeno, noto come bias comportamentale, può portare a errori di valutazione e a scelte rischiose.

 

Per evitare di cadere in queste trappole cognitive, la finanza comportamentale studia i motivi alla base delle scelte degli investitori, concentrandosi in particolare sui bias comportamentali. Un bias è un pregiudizio mentale che attiva delle scorciatoie cognitive e ci porta a reagire in modo inconsapevole davanti a una decisione, invece di analizzarla logicamente.

 

Nell'ambito degli investimenti, conoscere i bias più comuni può aiutare a prendere decisioni informate e a proteggere il proprio portafoglio.

Ecco alcuni dei bias più insidiosi:

Bias di conferma: la tendenza a cercare informazioni che confermano le proprie convinzioni e a ignorare quelle che le contraddicono.

Bias di disponibilità: la tendenza a valutare la probabilità di un evento in base alla facilità con cui ci vengono in mente esempi o informazioni correlate.

Avversione alla perdita: la tendenza a evitare le perdite a tutti i costi, anche a discapito di possibili guadagni.

Bias della familiarità (home bias): la tendenza a preferire gli investimenti nel proprio Paese o nella propria regione, piuttosto che in altri mercati.

Bias dello status quo (immobilità): la tendenza a mantenere le proprie posizioni e a non cambiare strategia, anche quando sarebbe vantaggioso farlo.

Bias dell'ancoraggio: la tendenza a dare troppo peso alle prime informazioni ricevute, anche se non sono le più importanti o rilevanti.

Eccesso di fiducia (overconfidence): la tendenza a sopravvalutare le proprie abilità e a sottovalutare i rischi.

Bias del senno di poi: la tendenza a credere di poter prevedere il futuro sulla base di ciò che è successo in passato.

Bias del risultato: la tendenza a valutare le decisioni in base al loro esito, anziché alla qualità del processo decisionale.

 

Imparare a riconoscere e gestire questi bias può aiutare a prendere decisioni più consapevoli e a proteggere i propri investimenti. Non lasciarti guidare dalle emozioni: investi con la testa e non con il cuore!

 

Se vuoi approfondire l'argomento, non esitare a contattarmi.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Lasciaci la tua mail e ti terremo informato su tutte le news